1. Home
  2. IT

Come accedere ai siti bloccati su Linux con una VPN

Hai problemi ad aprire un determinato sito Web su Linux? È probabile che tu sia bloccato da un filtro di censura o da un altro firewall creato da un ISP. Non preoccuparti, non sei impossibilitato a reagire. Esistono diversi strumenti utili che puoi utilizzare su Linux per accedere ai siti bloccati. Questi includono proxy e software di crittografia del traffico, nonché il più potente strumento di sblocco di tutti, le reti private virtuali che include entrambi i precedenti.

Le VPN sono app multiuso e di facile utilizzo che lavorano silenziosamente in background sul tuo dispositivo, proteggendo la tua identità e crittografando il tuo traffico in ogni momento. Semplicemente eseguendo una VPN sul tuo dispositivo Linux, puoi nascondere la tua identità e posizione, permettendoti di accedere a siti bloccati, guardare film Netflix dall’estero e una miriade di altre cose. Continua a leggere la nostra guida completa su come sbloccare siti censurati su Linux usando una VPN!

Procurarsi la migliore VPN per accedere ai siti bloccati su Linux

È sorprendentemente facile accedere ai siti bloccati su Linux una volta che hai gli strumenti giusti. Le VPN rendono estremamente semplice accedere e superare i muri di censura e geo-restrizione. La cosa più importante è che non devi eseguire alcuna configurazione complessa o cose simili, basta installare il software, connettersi e il gioco è fatto!

Le migliori caratteristiche VPN di cui hai bisogno

Non tutte le VPN sono in grado di sbloccare siti su Linux. Alcune hanno migliori funzionalità di crittografia o privacy, alcune sono fatte per velocità più elevate e alcune semplicemente non funzionano su hardware Linux. Prima di scappare e iniziare a provare le VPN, considera nella tua ricerca le funzionalità e caratteristiche elencate di seguito. Abbiamo utilizzato questi criteri per classificare e selezionare le VPN migliori per l’accesso ai siti bloccati su Linux, tutte presentate nella sezione successiva.

  • Disponibilità software per Linux: per accedere alle funzioni di sblocco è necessario eseguire il software VPN sui dispositivi Linux .
  • Buona reputazione: puoi fidarti della tua VPN? L’uso di servizi consolidati e affermati è un buon punto di partenza per proteggere i dati.
  • Extra di sicurezza – La VPN offre un kill switch automatico? Protezione dalle perdite DNS? Questi dispositivi ti aiutano a rimanere nascosto e sbloccare facilmente diversi siti Web.
  • Politica di zero-logging : le VPN possono archiviare i log della tua attività. Per garantire che ciò non accada, procedere con un servizio che abbia una rigorosa politica di zero-logging .

Le migliori VPN per accedere ai siti bloccati su Linux

Dopo un’attenta valutazione delle offerte del mercato VPN, abbiamo raccolto i nostri risultati nel seguente elenco. Di seguito, troverai i primi tre provider VPN dimostratisi efficaci per proteggere i dati e l’identità degli utenti Linux in modo sicuro, in tutto il mondo.

1. ExpressVPN

ExpressVPN è una delle VPN più facili da usare sul mercato. Ha anche la ben meritata reputazione di essere veloce e semplice da usare, poiché chiunque può iscriversi e utilizzare il servizio per rimanere al sicuro su qualsiasi dispositivo con solo un paio di clic. ExpressVPN ti consente di sbloccare migliaia di siti in tutto il mondo su PC, Mac, iOS, Android, Linux e altro e non devi mai preoccuparti di configurazioni complicate. Con ExpressVPN, sarai in grado di concederti un Internet libero e aperto in pochi secondi, sul tuo dispositivo Linux.

ExpressVPN offre una buona selezione di funzionalità per la privacy per proteggerti. I dati inviati da e verso il tuo dispositivo sono sempre protetti con crittografia AES a 256 bit di livello militare. È inoltre supportato da una rigorosa politica di zero-logging su tutto il traffico, le richieste DNS e gli indirizzi IP ed è protetto da un kill switch automatico e dalle dotazioni di prevenzione delle perdite DNS. Tutte queste specifiche cooperano con l’enorme rete di ExpressVPN di oltre 2.000 server in 94 paesi diversi, offrendoti una connessione veloce e sicura in qualsiasi parte del mondo.

ExpressVPN è uno dei pochi servizi VPN tradizionali che ha un’app dedicata fatta apposta per Linux (Ubuntu, Debian, Fedora e CentOS). Ciò semplifica il download e l’impostazione ed è perfetto anche per i nuovi arrivati ​​sulla scena VPN.

Pro

  •  Sblocca Netflix USA, iPlayer, Amazon Prime
  •  94 paesi, oltre 3.000 server
  •  Torrenting / P2P consentito
  •  Nessun registro mantenuto su informazioni di traffico personali
  •  Live Chat 24/7.

Contro

  •  Costo elevato per gli utenti mensili.

Per maggiori informazioni su questa VPN e le sue straordinarie funzionalità, dai un’occhiata alla nostra recensione su ExpressVPN .

IL MIGLIORE PROVIDER PER LINUX: ExpressVPN offre alcune delle migliori politiche sulla privacy e server più veloci in circolazione, consentendoti di sbloccare tutti i tipi di siti, indipendentemente da dove ti trovi. Abbonati con il nostro esclusivo sconto del 49%.

2. NordVPN

NordVPN è una VPN veloce, sicura e popolare di cui innumerevoli utenti si fidano ogni giorno affidandole i loro dati più sensibili. La società gestisce una vasta rete di server e dispone di app praticamente per ogni dispositivo moderno immaginabile, incluso Linux. Non appena ti iscrivi, avrai accesso illimitato a oltre 5.160 server in 62 paesi, una delle reti più grandi del settore. Questa varietà di posizioni offre velocità incredibili, indipendentemente da dove ti connetti, e consente a NordVPN di offrire funzionalità uniche “click-to-activate” come la doppia crittografia, la protezione dagli attacchi DDoS e il routing Onion su VPN.

NordVPN viene fornito con tutto il necessario per rimanere al sicuro online: crittografia AES a 256 bit, protezione dalle perdite DNS, un kill switch automatico e una politica di zero-logging che copre timestamp, richieste DNS, indirizzi IP e traffico. È estremamente facile da usare su qualsiasi dispositivo, offrendo app leggere ma potenti per PC, Mac, Linux, iOS e altre piattaforme. Quando hai bisogno di una protezione solida, veloce e di funzioni di sblocco senza pari, non sbaglierai scegliendo NordVPN.

NordVPN ha un’app VPN personalizzata fatta apposta per Linux (Debian). Puoi installarlo direttamente anche dal repository NordVPN. Altre distribuzioni Linux possono operare la VPN utilizzando le impostazioni OpenVPN personalizzabili.

Pro

  •  Sblocca Netflix americano
  •  Numero strabiliante di server
  •  La crittografia avanzata viene utilizzata su tutte le connessioni
  •  Doppia VPN extra-sicura per la crittografia dei dati
  •  Live Chat 24/7.

Contro

  •  Non tanti
  •  L’elaborazione del rimborso può richiedere fino a 30 giorni.

Scopri di più sull’esperienza NordVPN nella nostra recensione completa su NordVPN .

ECCEZIONALE RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO: NordVPN è uno dei veri giganti del mercato VPN, con una mastodontica rete di server e una convenienza ancora maggiore. I lettori di AddictiveTips ricevono uno sconto speciale del 66% sul prezzo base.

3. CyberGhost

CyberGhost offre una delle migliori esperienze VPN su qualsiasi piattaforma. È veloce, facile da usare, sicuro e può funzionare su quasi tutti i dispositivi immaginabili, inclusi PC, tablet, smartphone e altro ancora. Non appena ti sarai registrato, sarai in grado di accedere liberamente alla rete di CyberGhost di oltre 2.400 server in 60 paesi, tutti con dati illimitati e senza restrizioni sulla velocità o sul cambio server.

Le funzionalità di privacy di CyberGhost proteggono tutti i dati con una solida crittografia AES a 256 bit di livello militare, una politica di zero-logging su traffico, timestamp e indirizzi IP e sia la protezione da perdite DNS sia un kill switch automatico. Queste funzionalità nascondono la tua identità ogni volta che vai online, permettendoti di connetterti con dati completamente crittografati, ovunque tu vada. Qualunque sia il tipo di siti cui hai bisogno di accedere su Linux, CyberGhost può sbloccarli in un istante!

CyberGhost non offre attualmente software dedicati per utenti Linux. Tuttavia, è estremamente facile da configurare usando OpenVPN su tutte le versioni Linux.

Pro

  •  Sblocca Netflix, iPlayer, YouTube, Hulu
  •  P2P consentito su qualsiasi server tranne negli Stati Uniti e in Russia
  •  App per TUTTI i dispositivi
  •  Anonimo: solida politica zero-logging
  •  Garanzia soddisfatti o rimborsati di 45 giorni.

Contro

  •  Talvolta si riscontrano velocità medie.

Scopri di più sulle fantastiche funzioni di privacy di CyberGhost nella nostra recensione completa su CyberGhost .

FACILE DA CONFIGURARE: CyberGhost eccelle nel fornire la massima sicurezza con il minimo sforzo dell’utente. Per una soluzione tutto incluso a basso prezzo, iscriviti con il nostro sconto esclusivo del 77% per i nostri lettori.

Utilizzo di VPN su Linux per accedere a siti bloccati

Con una VPN affidabile in tuo possesso, ora sei pronto per iniziare la parte facile: l’installazione e lo sblocco!

Configurare la tua VPN

La configurazione di una VPN su Linux è, nella maggior parte dei casi, una cosa semplice. Molti servizi VPN offrono app dedicate per una varietà di distro che puoi aggiungere direttamente dalla riga di comando. In caso contrario, i pacchetti vengono spesso resi disponibili per il download e l’estrazione da parte tua. Ubuntu e i relativi utenti distro possono persino scaricare alcune VPN dal package manager.

Alcune VPN non offrono un’app dedicata per Linux. Invece, dovrai configurare il servizio affinché funzioni tramite OpenVPN. In tal caso, installare OpenVPN tramite il package manager, quindi verificare con il proprio provider VPN le istruzioni specifiche su come impostare e installare la VPN stessa.

Una volta installata l’app VPN, sei pronto per iniziare. Inizia ad avviare l’app e accedi con le credenziali del tuo account. Il software dovrebbe connettersi automaticamente a un server veloce. Non importa necessariamente dove si trova il server, purché non si trovi in ​​un paese che potrebbe essere bloccato da molti siti Web. Per essere al sicuro, prova ad andare con server situati in Europa o Nord America, se possibile.

Dopo esserti connesso alla VPN puoi ridurre il programma a icona in totale sicurezza e lasciarlo in esecuzione in background. Non è necessario interagire con il software a meno che non sia necessario modificare le impostazioni o le posizioni del server. La VPN crittografa e protegge silenziosamente il tuo traffico mentre lavori, navighi o fai altro, sbloccando automaticamente i siti che ricerchi.

Verifica il tuo indirizzo IP

Che tu sia un nuovo utente o che stia semplicemente sperimentando una nuova VPN per sbloccare i siti Web, è sempre una buona idea eseguire un controllo rapido per assicurarsi che la VPN sia attiva e funzionante. Avere un indirizzo IP anonimo e non locale è alla base dell’accesso a siti bloccati. Eseguendo una ricerca dell’indirizzo IP, puoi verificare se stai effettivamente ricevendo la protezione VPN di cui hai bisogno.

Prima di iniziare, assicurati che la tua VPN sia connessa a un server live. Quindi, apri un terminale sul tuo dispositivo Linux. Digita il seguente comando per ottenere il tuo indirizzo IP:

  • curl ipinfo.io

Ti dovrebbe restituire un semplice IP sulla riga successiva. Per vedere da quale paese proviene, tutto ciò che devi fare è aggiungerlo alla fine del comando sopra. Mentre sei ancora nel terminale, digita quanto segue, sostituendo ##### con l’indirizzo IP restituito dal comando precedente:

  • curl ipinfo.io/#####

Ora confronta il paese restituito in quella ricerca con la tua posizione fisica. Sono diversi? Il paese corrisponde al server VPN a cui ti sei connesso? In tal caso, sei pronto per sbloccare i siti Web!

Se non si desidera utilizzare il terminale per il controllo dell’indirizzo IP, è anche possibile aprire un browser Web e visitare ipleak.net . Attendere il caricamento della pagina e verrà automaticamente eseguita una ricerca dell’indirizzo IP. Al termine, guarda la casella in basso dove dice Il tuo indirizzo IP. Dovrebbe mostrare un Paese diverso dal tuo, il che significa che la VPN funziona correttamente.

Sblocco di siti con una VPN

Ora procediamo con la parte davvero più semplice: accedere ai siti bloccati. Una volta che la tua VPN è installata, connessa e configurata correttamente, tutto ciò che devi fare è provare a caricare i siti web a cui non potevi accedere prima. Apri un buon browser Web sicuro e digita l’URL di tuo interesse. Dovrebbe aprirsi automaticamente, tutto senza errore proxy o messaggi di accesso negato.

Se non riesci ancora ad accedere al sito Web, potrebbe significare che l’indirizzo IP associato al Paese del tuo server è ciò che sta causando il blocco. Modificando i server VPN, è possibile bypassare rapidamente il firewall. Apri l’app VPN e cerca la schermata del browser dei server. Fai clic su di esso e scegli un luogo più “amichevole” in termini di censura online e ai problemi di privacy (i paesi europei e nordamericani sono generalmente i migliori). Connettiti a questo nuovo server, quindi torna al tuo browser web. Ricarica la pagina e tutto dovrebbe funzionare normalmente!

Altri modi per accedere ai siti bloccati su Linux

La cosa migliore delle versioni Linux è che sono open source e altamente estensibili. Puoi personalizzare praticamente tutto, il tutto con strumenti estremamente potenti realizzati da esperti di sicurezza e software. Se una VPN non supera i firewall che vuoi aggirare, prova uno dei metodi seguenti.

Shadowsocks (proxy SOCKS5)

Shadowsocks è stato realizzato appositamente per l’accesso libero e aperto a Internet in Cina, ma fa miracoli in qualsiasi parte del mondo ed è un modo incredibilmente potente per sbloccare i siti. Funziona utilizzando il protocollo SOCKS5 (Socket Secure 5) che trasferisce i pacchetti di dati tra client e server utilizzando un server proxy. Fornisce inoltre un livello di autenticazione per garantire che solo l’utente previsto possa accedere al proxy personale, conferendogli qualità simili a VPN.

Avrai bisogno di accedere a un server shadowsocks per far funzionare questo metodo, che richiede la tua esecuzione o il noleggio di un servizio esterno. Gestire un server shadowsocks può essere complicato e noleggiarne uno è costoso. Se sai cosa stai facendo, tuttavia, questo può essere sia più veloce che più efficace di una VPN. Sono anche disponibili client GUI e Command Line per più distro di Linux.

Tunnel SSH

I tunnel Secure Shell (SSH) sono un metodo unico per racchiudere i dati in un livello di crittografia SSH, consentendo loro di passare indisturbati e non essere rilevati attraverso i servizi di filtro. SSH è un protocollo ampiamente utilizzato per una serie di scopi legittimi, come l’invio sicuro di file da host a server tramite una connessione Internet. È estremamente improbabile che il traffico SSH sia bloccato da qualche sito Web o ISP, rendendosi un’opzione praticabile per l’accesso ai siti Web bloccati dal tuo dispositivo Linux.

L’aspetto negativo dei tunnel SSH è che possono essere lenti. La tecnologia non è stata progettata per grandi quantità di traffico, quindi se stai scaricando qualcosa di più complesso di un semplice sito Web, probabilmente avrai un po’ di difficoltà. La buona notizia è che è facile creare un tunnel SSH su Linux , quindi con un po ‘di tempo e un po di sforzo, puoi provarlo per vedere come funziona.

Tunnel SSL / TLS

Le connessioni SSL (Secure Socket Layer) di solito rimangono sbloccate dal firewall di siti Web e di ISP, principalmente perché sono comunemente utilizzate per crittografare il traffico associato a acquisti online, e-mail, web banking e altri servizi online. Se vedi una piccola icona a forma di lucchetto nella casella dell’URL del tuo browser, significa che il sito utilizza SSL.

I tunnel SSL possono essere utilizzati non solo per i siti HTTPS. Possono effettivamente crittografare il traffico per renderlo simile a connessioni SSL standard, consentendo di aggirare facilmente i blocchi su siti Web e le restrizioni geografiche. Per utilizzare un tunnel SSL devi scaricare il software stunnel. Non è facile né veloce da configurare e avrai bisogno di molte conoscenze tecniche per riuscirci, quindi assicurati di fare le tue ricerche prima di entrare.

Tor Browser

Tor sfrutta il routing Onion per avvolgere i dati in più livelli di crittografia prima di inviarli attraverso una serie di nodi nella rete Tor. Ogni livello è timbrato con un indirizzo che dice al nodo dove inviare il pacchetto successivo. Quando lo strato finale viene rimosso, i dati vengono inviati a destinazione ed è praticamente impossibile risalire alla loro origine.

La crittografia e l’anonimato forniti da Tor Browser lo rendono un metodo eccellente per accedere ai siti bloccati su qualsiasi piattaforma, incluso Linux. Il rovescio della medaglia è che il software non è stato creato per un uso intenso di download e può essere estremamente lento rispetto a una connessione standard. Non sarai in grado di accedere alla maggior parte dei video online, poiché tecnologie come Flash, QuickTime e ActiveX sono bloccate a causa della mancanza di sicurezza. Anche i download di torrent e P2P non devono essere utilizzati attraverso la rete Tor.

Nonostante i suoi svantaggi, Tor Browser è ancora un metodo sicuro ed efficace per accedere ai siti bloccati su Linux. Scopri di più sulla tecnologia alla base di Tor, comprese le istruzioni di configurazione complete, nella nostra funzione Come utilizzare Tor: una guida per iniziare.

Conclusione

Accedere ai siti bloccati su Linux non è così difficile o complicato come si potrebbe pensare. Con una VPN, puoi scavalcare la maggior parte delle barriere di censura e ripristinare con facilità l’accesso al web libero e aperto. Anche se una VPN non ti dà la “spinta” necessaria, Linux stesso è una piattaforma capace ed estensibile che sfrutta innumerevoli strumenti per aprire siti Web di difficile accesso.

C’è qualche sito in particolare che speri di sbloccare con una VPN? Condividi i tuoi pensieri, preoccupazioni e successi nei commenti qui sotto!

 

Ecco come ottenere una VPN Gratis per 30 giorni

Se hai bisogno di una VPN per un breve periodo, per un viaggio ad esempio, puoi ottenere la nostra VPN top di gamma senza alcun costo. ExpressVPN include nell` offerta una garanzia di rimborso di 30 giorni. Dovrai inizialmente pagare l`abbonamento, certo, ma l iscrizione non solo ti garantirà accesso completo a l`intero servizio, ma nei primi 30 giorni puoi richiedere un rimborso completo. La politica di cancellazione senza fastidiose domande è all altezza del loro nome.

Leave a comment