1. Home
  2. IT
We are reader supported and may earn a commission when you buy through links on our site. Learn more

Perché le Smart homes hanno bisogno di una VPN: ecco 4 motivi

Negli ultimi dieci anni, Internet è passato dall’essere una comodità per l’accesso ad informazioni ad uno strumento indispensabile che modella praticamente ogni aspetto della nostra vita quotidiana. La prossima tappa sono le nostre case, poiché l’Internet of Things (IoT) rivoluziona il nostro modo di fare praticamente tutto. Le case intelligenti sono davvero il futuro!

Se non hai familiarità con “IoT”, il termine si riferisce alla vasta gamma di dispositivi e gadget connessi a Internet che possiamo acquistare e che ci aiutano a svolgere ogni possibile tipo di attività quotidiana. Il termine “Smart Home” si riferisce ai dispositivi IoT che utilizziamo nella nostra casa. Al giorno d’oggi, quasi tutti i dispositivi immaginabili possono essere collegati a Internet. Ciò comporta enormi possibilità, ma anche enormi rischi. È fondamentale adottare misure per proteggerci da questi rischi, motivo per cui, come spiegheremo, le case intelligenti hanno bisogno di una VPN.

Che cosa è una casa intelligente?

Una casa intelligente utilizza dispositivi connessi a Internet per aiutarci a gestire ogni aspetto della nostra vita. Questi dispositivi, ai quali viene spesso assegnato il termine ombrello “Internet of Things” (IoT), sono versioni moderne di oggetti di uso quotidiano che sono ora connessi a Internet. Di conseguenza, molti possono essere gestiti in remoto spesso utilizzando app sullo smartphone o programmati per eseguire automaticamente delle attività.

Oggigiorno molte proprietà di nuova costruzione affermano di essere case intelligenti. Potrebbero includere cose come luci automatizzate e un sistema audio integrato. Potrebbe esserci un’app che ti aiuti a gestire il tuo riscaldamento o aria condizionata da remoto (così puoi essere sicuro che la tua casa sia alla giusta temperatura quando torni a casa dal lavoro), oltre a aiutare la casa ad essere più efficiente dal punto di vista energetico. Anche le proprietà più vecchie si stanno muovendo in questa direzione. Quando acquisti una nuova caldaia, ad esempio, è probabile che sia connessa a Internet. Anche elettrodomestici banali come il tuo frigorifero o la tua macchina per il caffè possono essere abilitati a Internet. Le case intelligenti stanno divenendo realtà, che ci piaccia o no, motivo per cui tutti abbiamo bisogno di essere preparati alla cosa.

Cos’è l’Internet of Things (IoT)?

Internet of Things, o IoT, è un termine usato per descrivere una rete interconnessa di dispositivi di uso quotidiano progettata per rendere più semplice la nostra vita domestica. Lentamente ma sicuramente, i dispositivi IoT sono entrati nel mainstream.

La maggior parte dei gadget e degli elettrodomestici che acquisti oggi per la tua casa saranno connessi a Internet. Per alcuni, ci sono chiari vantaggi per l’utente. Essere in grado di gestire da remoto il sistema di sicurezza domestica, gli allarmi e le telecamere CCTV è chiaramente molto utile. Allo stesso modo, essere in grado di controllare cose come luci e sistemi di riscaldamento significa che non devi preoccuparti della tua casa quando vai in vacanza. I giorni in cui lasciavamo la radio accesa per far pensare alla gente che ci fosse qualcuno a casa sono passati da tempo. Al giorno d’oggi puoi accendere le luci come al solito la sera da qualsiasi parte del mondo. Allo stesso modo, puoi risparmiare sulla bolletta elettrica programmando la tua casa per spegnere i tuoi dispositivi ed elettrodomestici quando non sei a casa!

Anche elettrodomestici più piccoli vengono connessi a Internet al giorno d’oggi. Se acquisti una macchina per il caffè intelligente, puoi programmarla per farle ricordare come ti piace il tuo caffè e per farlo automaticamente per te in modo che sia pronto quando ti svegli al mattino. Può persino farle inviarti una notifica quando è pronto da bere. Il tuo aspirapolvere robot può pulire la tua casa mentre sei fuori. La tua Smart TV è in grado di registrare automaticamente i programmi per te, avvisarti quando gli spettacoli ti piacciono e persino cambiare automaticamente canale per non farti perdere il notiziario delle dieci ogni sera. Quando l’IoT ha avuto per la prima volta una risonanza pubblica, è stato subito considerato come qualcosa che avrebbe rivoluzionato la nostra vita. E a poco a poco, sta facendo esattamente questo.

Perché le Smart Homes hanno bisogno di una VPN

La proliferazione di dispositivi IoT e l’ascesa di case intelligenti possono semplificare molte attività quotidiane tutto grazie alla connessione a Internet. Ma la loro più grande risorsa comporta anche il loro più grande rischio. Perché la triste realtà è che Internet non è un posto sicuro. sebbene molti utenti di Internet siano ben intenzionati, non vi è carenza di hacker in giro che cercano di rubare o farsi strada per guadagni veloci a spese degli utenti di Internet meno esperti di essi. Allo stesso modo i governi di tutti i paesi , siano essi regimi autoritari o democrazie occidentali a pieno titolo, hanno visto Internet come un’opportunità per monitorare i propri cittadini. Di conseguenza, l’uso di dispositivi IoT comporta notevoli rischi per la sicurezza e la privacy, e li abbiamo descritto di seguito.

  1. Rischi per la sicurezza – Potrebbe sembrare un po ‘inverosimile pensare che gli hacker potrebbero voler entrare nella tua macchina del caffè. Ma se consideri che elementi come l’allarme di casa e la tua auto sono tutti collegati alla stessa rete, le possibilità per gli hacker diventano più chiare. Ci sono già stati innumerevoli casi di ladri d’auto che hanno rubato con successo le auto hackerando i loro sistemi informatici di bordo. Allo stesso modo, molte case dotate dei più recenti sistemi di sicurezza sono state preda dello stesso stile di attacco. L’hacking di un dispositivo relativamente piccolo può consentire l’accesso a tutto ciò che fai online anche a casa. Ciò significa che l’online banking, le abitudini di acquisto e altre informazioni sensibili potrebbero potenzialmente cadere nelle mani di qualcuno che è riuscito ad intrufolarsi nel tuo campanello intelligente.
  2. Rischi per la privacy – Oltre ai rischi di perdita dei dati bancari online con gli hacker, esistono anche rischi per la privacy più specifici relativi ai dispositivi IoT. Man mano che guadagnano terreno in ogni aspetto della nostra vita, è possibile utilizzare i dati raccolti per disegnare un ritratto molto dettagliato e accurato della nostra vita. È abbastanza concepibile utilizzare i dati dei dispositivi IoT per capire quando le persone sono dentro e fuori casa, cosa stanno facendo mentre sono a casa e persino dove vanno quando sono fuori. La casa delle persone dovrebbe essere un santuario dove rilassarsi e fare ciò che si vuole in privato. Una rete IoT non protetta mette tutto questo a rischio, essenzialmente collocando apparecchiature di sorveglianza in ogni stanza della casa.
  3. Rischi di sorveglianza– Oltre a raccogliere potenzialmente dati su ogni aspetto della nostra vita, alcuni dispositivi IoT possono comportare rischi ancora più evidenti per la privacy. Se hai telecamere a circuito chiuso all’interno o all’esterno della tua casa, queste possono essere hackerate per guardare letteralmente cosa stai facendo. Ci sono stati anche diversi casi di baby monitor compromessi e hacker in grado di guardare i bambini nelle loro camere da letto. Ed è noto che l’accesso alle webcam integrate in tutti gli smartphone, tablet e computer portatili è abbastanza semplice in questi giorni. Poi c’è l’ultimo trend con i dispositivi di assistenza personale come Amazon Echo, Apple HomePod e Google’s Home. Posizionando questi dispositivi in ​​tutte le nostre case, inseriamo telecamere e microfoni attivi in ​​ogni stanza e confidiamo che funzionino solo quando li accendiamo. Tuttavia,
  4. La follia della fiducia– Accendendo questi dispositivi IoT e trasformando le nostre case in case intelligenti, ci stiamo fidando molto dei produttori di questi dispositivi. Ma perché dovremmo farlo? Oggi i dati degli utenti sono un bene prezioso per le grandi aziende e molti produttori di IoT vedono i loro dispositivi come un modo semplice per raccogliere tali informazioni. molti venderanno queste informazioni a terzi o altrimenti le useranno altrove nelle loro attività per promuovere i propri prodotti e servizi. Acquistando il loro prodotto, è probabile che tu abbia già acconsentito a farglielo fare nei termini e condizioni in caratteri piccoli. Non prendendo provvedimenti per proteggere i tuoi dispositivi, dai carta bianca non solo ai produttori, ma a chiunque possa compromettere il tuo dispositivo, per violare anche la tua sicurezza e privacy online.

Perché i dispositivi abilitati IoT non sono sicuri?

Alcuni dispositivi IoT sono dotati di funzionalità di sicurezza integrate. Ciò è particolarmente vero per articoli più grandi come allarmi domestici e sistemi CCTV. Questi sistemi sono raramente impeccabili ma gli hacker moderni sono così esperti che pochi di questi sistemi possono resistere a lungo ad un attacco prolungato. Molti dispositivi più piccoli abilitati all’IoT non provano nemmeno a essere sicuri e possono essere facilmente compromessi anche dagli hacker più esperti.

Ci sono una serie di ragioni per cui questo accade. La più semplice è probabilmente il costo. All’inizio, i dispositivi abilitati IoT erano costosi e, di conseguenza, non vendevano in gran numero. I produttori hanno capito che per rendere commercialmente efficaci i dispositivi IoT dovevano essere considerati alla stregua degli altri elettrodomestici cui le persone erano abituate, ed essere venduti al prezzo che la gente era disposta a pagare per per tali articoli. Di conseguenza, le caratteristiche di sicurezza tendevano a essere eliminate per mantenere bassi i prezzi. Anche la dimensione è un fattore determinante. Molti dispositivi abilitati IoT sono estremamente piccoli e l’aggiunta di sicurezza li renderebbe notevolmente più grandi. Di conseguenza, la sicurezza non è più considerata una priorità dai produttori di dispositivi abilitati IoT e i loro utenti sono quelli che ne subiscono le conseguenze.

Come mantenere la tua Smart Home al sicuro

Con i rischi derivanti dall’ essere connessi ad Internet più che mai e con i produttori di dispositivi IoT che rinunciano alle loro responsabilità di sicurezza, spetta invece agli utenti garantire che la loro casa intelligente sia sicura e che la loro privacy sia protetta. Questa non è una rottura con il passato. Gli utenti di computer e smartphone sono abituati a dover investire in software di sicurezza per proteggersi. Essendo i dispositivi IoT privi dello stesso livello di interfaccia utente, spesso non è immediatamente chiaro come proteggerli.

La risposta è semplice Lo strumento migliore per proteggere i tuoi dispositivi IoT e Smart Home è una VPN. Tuttavia, per proteggere tutto, dovrai installare la tua VPN non sul tuo computer o smartphone, ma direttamente sul tuo router Wi-Fi. Una VPN funziona crittografando tutti i tuoi dati online e quindi passandoli attraverso un server esterno per anonimizzarli prima che i dati si dirigano verso la destinazione prevista.

Con l’ installazione di una VPN su un router , si sta assicurando che l’intera rete Wi-Fi sia protetta. Ciò significa che qualsiasi dispositivo che si connette al tuo Wi-Fi è automaticamente protetto dalla crittografia della tua VPN e tutti i suoi dati vengono passati attraverso il server esterno della VPN. Poiché tutti i dispositivi IoT devono essere collegati alla connessione Wi-Fi per funzionare correttamente, questo vale anche per essi e significa che tutto nella Smart Home può essere protetto con una VPN.

Le migliori VPN per proteggere la tua Smart Home

Al momento ci sono centinaia di diversi provider VPN sul mercato e tutti sono ben consapevoli della vulnerabilità delle case intelligenti e che potenzialmente i loro prodotti devono svolgere un servizio vitale per gli utenti di dispositivi abilitati IoT. Tuttavia, alcuni provider sono più adatti alla cosa rispetto ad altri. Quando si sceglie la migliore VPN per proteggere il proprio Smart Phone, è utile considerare i seguenti fattori:

  • Compatibilità del router – Perché una VPN possa proteggere una Smart Home, deve essere installata su un router . La maggior parte delle VPN in questi giorni lo sono, ma ce ne sono ancora alcune che non lo sono. Allo stesso modo, alcuni offrono anche una migliore guida all’installazione del router rispetto ad altri.
  • Sicurezza e sicurezza della crittografia: lo scopo dell’utilizzo di una VPN per proteggere una casa intelligente è la sicurezza, quindi gli utenti vogliono trovare una VPN con la migliore crittografia possibile.
  • Norme sulla privacy efficaci – Non ha senso mantenere privati ​​i tuoi dati IoT se il tuo provider VPN li perderà, quindi è indispensabile trovare una VPN con protezioni affidabili della privacy .
  • Velocità di connessione elevate : alcune VPN possono rallentare la velocità di connessione ad Internet e, con più dispositivi collegati al router, ciò potrebbe avere un grande impatto sul Wi-Fi di casa. Pertanto, è importante scegliere una VPN con le velocità di connessione più elevate possibili.
  • Nessuna limitazione di utilizzo: alcune VPN, in particolare quelle gratuite, possono limitare la quantità di larghezza di banda che è possibile utilizzare ogni mese. Questo non va affatto bene per i proprietari di Smart Home, quindi è fondamentale che il provider scelto non imponga tali restrizioni.

Sulla base di questi quattro criteri fondamentali e dei nostri test approfonditi su quasi tutti i principali provider VPN oggi sul mercato, raccomandiamo le seguenti tre VPN come migliori provider per proteggere la tua Smart Home.

1. ExpressVPN

ExpressVPN - Editors choice

Come suggerisce il nome, ExpressVPN è una delle VPN più veloci in circolazione. Offre anche uno dei pacchetti VPN più completi, motivo per cui è un’ottima scelta se vuoi proteggere la tua Smart Home. Oltre a velocità di connessione estremamente elevate su tutta la sua rete di server VPN, ExpressVPN offre una crittografia eccezionale. Tutta la sua rete SSL è protetta con la crittografia a 256 bit, che è ottima.

Pro

  •  Sblocca Netflix Americano, iPlayer, Hulu
  •  94 paesi, oltre 3.000 server
  •  Crittografia AES-256 di livello militare
  •  Politica rigorosa di zero-logging
  •  Ottimo servizio clienti via chat.

Contro

  •  Opzioni di configurazione per utenti esperti.

Anche le disposizioni sulla privacy di ExpressVPN sono eccellenti, con zero registrazioni dei dati traffico utente. Poiché ExpressVPN ha sede nelle Isole Vergini britanniche, dove non esistono leggi sulla conservazione dei dati, significa che quando dichiara di non effettuare registrazioni, è proprio cosi. Senza restrizioni sulla larghezza di banda, puoi utilizzare Internet quanto vuoi senza che si verifichino interruzioni di servizio. ExpressVPN è semplicemente una delle migliori VPN oggi sul mercato ed è l’ideale per proteggere la tua casa intelligente.

2. IPVanish

ipvanish

Se un provider si avvicina a ciò che ExpressVPN può offrire, allora è IPVanish . IPVanish è un’altra VPN consolidata e sebbene le sue velocità di connessione siano tutt’altro che lente, sono le loro disposizioni di sicurezza che la distinguono davvero dal resto dei provider. IPVanish utilizza la crittografia a 256 bit attraverso i protocolli L2TP e OpenVPN. È anche uno dei pochi provider mainstream che attualmente utilizza indirizzi IP condivisi su tutta la sua rete. Ciò fornisce un ulteriore livello di protezione e rende ancora più difficile rintracciare la tua attività online.

IPVanish garantisce che non verranno raccolti dati dell’utente, e che non ci sono restrizioni sull’utilizzo. I loro prezzi di abbonamento sono un po ‘più economici di quelli di ExpressVPN. E dato il livello di servizio che fornisce, IPVanish offre un eccellente rapporto qualità-prezzo.

Coperto da una garanzia di rimborso di 7 giorni.

3. NordVPN

nordvpn

NordVPN è il più economico dei tre provider VPN che consigliamo ai proprietari di case intelligenti. Ma ciò non significa che devi scendere a compromessi sulla qualità per risparmiare denaro. La crittografia di NordVPN compete facilmente con gli altri due provider in questo elenco. Offre anche una gamma di funzionalità di sicurezza aggiuntive non disponibili su altri provider. Queste includono un’opzione di server Double VPN, che reindirizza i tuoi dati Internet tramite due server per una protezione aggiuntiva e i server Onion over VPN, che reindirizzano il tuo traffico attraverso la rete TOR e un server VPN per una maggiore sicurezza. Con l’indirizzo IP condiviso e anche un kill switch, le disposizioni di sicurezza di NordVPN sono impressionanti.

Pro

  •  Server ottimizzati per sbloccare Netflix
  •  Numero strabiliante di server
  •  Consente di collegare fino a 6 dispositivi contemporaneamente
  •  Politica rigorosa di zero logging sia sul traffico che sui metadati
  •  Servizio clienti con chat dal vivo.

Contro

  •  Impossibile specificare la città o la provincia nell’app.

Ha sede a Panama, il che significa che le sue garanzie sono fondate. Sebene le velocità offerte in passato fossero un po deludenti, l’investimento in nuovi server superveloci significa che tutto questo non è più un problema. Senza restrizioni sulla larghezza di banda e con ottime indicazioni per l’uso dei router disponibili, NordVPN è un altro provider che offre un pacchetto di servizi convincente per i proprietari di case intelligenti.

Come installare una VPN su un router Wi-Fi

Ogni VPN è diversa, quindi il modo in cui installare la VPN sul router può dipendere dal provider a cui ti sei abbonato. Tutti dovrebbero fornire la propria guida specifica su come farlo. Ma, in generale, il processo è sostanzialmente simile. Abbiamo indicato il processo generale di seguito, ma vale la pena cercare le indicazioni dei propri provider, sul loro sito Web o tramite il loro servizio di assistenza clienti, prima di iniziare.

Ovviamente dovrai assicurarti di avere un router in grado di supportare un client VPN . Il modo più semplice per farlo è acquistare un router che abbia già questa capacità. Ci sono un numero crescente di router di tutti i principali produttori che sono compatibili e questo è sicuramente l’approccio che raccomanderemmo. Gli altri due modi per installare una VPN su un router prevedono il flashing di un firmware personalizzato su un dispositivo esistente per aggiungere la funzionalità o l’acquisto di un router che è già stato pre-flash-ato. Entrambi i metodi sono tecnicamente difficili e possono essere più inclini a errori. Quindi, la scommessa migliore è quella di acquistare un router che affermi con orgoglio di offrire “Client VPN” o “Modalità client VPN” nella sua confezione.

Dopo aver acquistato tale router, tutto ciò che devi fare è seguire questo semplice processo:

  1. Iscriviti al provider VPN selezionato. Per fare ciò, dovrai visitare il sito Web usando i link in questa pagina e quindi scegliere il pacchetto di abbonamento più adatto alle tue esigenze. Segui le istruzioni di pagamento su schermo e, una volta elaborato, sei a posto.
  2. Sul tuo computer, accedi al tuo account VPN e cerca l’opzione per la configurazione manuale. Dovrai cercare i dettagli per i protocolli PPTP e L2TP-IPSec. Questo dovrebbe darti un elenco di indirizzi server di tutto il mondo. Tieni aperta questa scheda.
  3. Ora dovrai accedere al pannello di controllo del router e accedere utilizzando la password dell’amministratore. Ogni router lo fa diversamente, ma le sue istruzioni o il supporto online del produttore dovrebbero essere in grado di dirti come.
  4. Una volta effettuato l’accesso, fare clic su Impostazioni seguito da
  5. Ora configura la tua connessione Internet su L2TP (che è più sicura di PPTP) inserendo le informazioni dalla pagina di configurazione manuale che hai aperto al passaggio 2.
  6. Una volta fatto questo, fai clic su Salva e, dopo alcuni istanti, il tuo router dovrebbe ora essere connesso alla tua VPN preferita e tutti i tuoi dispositivi connessi a Internet saranno protetti.

Conclusione

Le case intelligenti e l’Internet of Things non sono solo visioni del futuro, sono già parte integrante dei nostri stili di vita moderni, e questo trend aumenterà con lo sviluppo costante della tecnologia. Che ci piaccia o no, le Smart Homes sono qui per restare, ed è fondamentale che prendiamo le misure necessarie per proteggere la nostra sicurezza e privacy durante l’utilizzo. Il modo migliore per farlo è utilizzare una VPN, come quelle che abbiamo raccomandato in questo articolo, per proteggere tutti i dati comunicati dai nostri dispositivi IoT.

Una VPN non è una soluzione infallibile a tutti i rischi associati alle Smart Homes e all’IoT, ma garantisce che tutti i dati trasmessi dai loro dispositivi siano crittografati e sicuri. Inoltre, garantisce che i dati intercettati non possano essere ricondotti direttamente alla posizione fisica dell’utente. Usando una VPN, la minaccia rappresentata dagli hacker e dagli ufficiali di sorveglianza del governo per i dispositivi IoT è significativamente ridotta e questo è davvero un ottimo inizio per fare in modo che la tua Smart Home sia sicura.

Qual è la tua esperienza con i dispositivi IoT e la nuova tecnologia Smart Home. Hai subito violazioni della sicurezza o della privacy per via di questi dispositivi dentro casa tua? Usi una VPN installata sul tuo router per proteggere questi dispositivi? Come hai trovato il processo di installazione per farlo, ti senti più sicuro di conseguenza? Siamo sempre interessati ad ascoltare i tuoi pensieri e opinioni, quindi perché non condividerli con noi usando il box commenti qui sotto?

Ecco come ottenere una VPN Gratis per 30 giorni

Se hai bisogno di una VPN per un breve periodo, per un viaggio ad esempio, puoi ottenere la nostra VPN top di gamma senza alcun costo. NordVPN include nell` offerta una garanzia di rimborso di 30 giorni. Dovrai inizialmente pagare l`abbonamento, certo, ma l iscrizione non solo ti garantirà accesso completo a l`intero servizio, ma nei primi 30 giorni puoi richiedere un rimborso completo. La politica di cancellazione senza fastidiose domande è all altezza del loro nome.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.