1. Home
  2. IT

Ecco le migliori reti VPN che offrono livelli di crittografia elevati

Le reti private virtuali sono strumenti molto potenti che offrono una serie di vantaggi ai loro utenti. Con una VPN puoi impedire al tuo ISP di rintracciarti, puoi ignorare  la censura a livello governativo (locale), guardare film su Netflix di altri paesi e mantenere le tue comunicazioni online al sicuro da sguardi indiscreti. Per fare tutto ciò, ovviamente, le VPN hanno un costo (basso) e sono facili da usare, rendendole indispensabili per qualsiasi dispositivo connesso a Internet.

Le VPN usano la crittografia per proteggerti, un processo che avvolge i dati dell’utente usando codice “randomico” per rendere impossibile l’identificazione o la lettura dei dati inviati. Non è necessario comprendere i principi base della crittografia per usarla, ma crediamo che sia importante avere familiarità con alcune nozioni di base per muoversi in questo mondo. In questo modo, quando vedi le aziende VPN che pubblicizzano i loro servizi e la crittografia AES a 256 bit, saprai esattamente di cosa stanno parlando.

Cos’è la crittografia?

La crittografia è una materia che ha come scopo quello di rendere “offuscati” i messaggi e sviluppa tecniche per rendere la comunicazione sicura. Per la maggior parte delle persone la crittografia rappresenta codici sviluppati dai governi per inviare messaggi che i nemici in tempo di guerra non potevano leggere. Forme di crittografia notevolmente semplificate si possono trovare anche nei giocattoli per bambini sotto forma di “codici informativi”. Attualmente la crittografia “digitale” sfrutta la potenza numerica di svariati computer per creare codici casuali che nessuno può violare, nemmeno i computer più potenti del mondo.

La crittografia è una scienza di base che rende possibile l’esistenza delle VPN. Ogni volta che qualcuno dice “i dati sono criptati”, significa che un modello di crittografia complesso è stato generato utilizzando una formula matematica e viene utilizzato per nascondere i dati in questione. Questo schema rende illeggibili le informazioni a meno che non venga utilizzato il codice di lettura corretto. L’analogia di un lucchetto e di una chiave viene spesso utilizzata per descrivere la crittografia, ma le chiavi di cifratura sono molto più complesse di qualsiasi cosa si possa inserire in un semplice portachiavi.

Come funziona la crittografia VPN

La crittografia è utilizzata in tutto il mondo della tecnologia per fornire privacy e sicurezza a tutti i tipi di dati. I dispositivi Android e iPhone possono crittografare i file locali per renderli impossibili da sottrarre, i siti di shopping online crittografano le informazioni sulle carte di credito, i servizi di messaggistica ei programmi VoIP crittografano i dati per tenerli al sicuro da hacker e terze parti. La crittografia trasforma le informazioni ordinarie in informazioni sicure anche se c’è un piccolo svantaggio che è legato all’intero processo, infatti tutti questi dati e metadati appesantiscono la rete e la connessione rallenta.

Possiamo confrontare il processo di crittografia di una VPN con l’invio di una lettera per posta. Al posto del servizio postale disponiamo di un provider VPN. Invece della carta inserita nella lettera abbiamo pacchetti di dati e invece di buste abbiamo schemi di crittografia sicuri e bloccati con chiavi molto complesse.

Ogni volta che fai qualcosa online invii migliaia di pacchetti di dati. Questi pacchetti sono “richieste” che hai fatto al tuo browser, come il download di un file o la visualizzazione (nel gergo “ricezione”) di una pagina web dopo aver digitato l’URL. I pacchetti di dati vengono normalmente inviati su Internet in un formato semplice, un po’ come spedire una cartolina nella vita reale, infatti una cartolina ha un indirizzo (così il servizio postale sa dove consegnarlo) però, non essendo chiusa in una busta, il postino (o chiunque altro) riesce anche a leggere il contenuto della cartolina oltre che il mittente ed il destinatario.

Con la crittografia VPN è possibile inviare sempre la cartolina, solo che ora ciascun pacchetto di dati è inserito in una busta che nessuno può aprire tranne il destinatario stesso. I pacchetti di dati sono inseriti in buste crittografate dal software VPN sul tuo computer, quindi inviati normalmente al tuo fornitore di servizi locale. Però gli ISP sono noti per tenere traccia delle attività degli utenti (un po’ come fotocopiare le cartoline dei residenti di una determinata area geografica e conservarne una copia). Se si inviano dati crittografati tramite un ISP invece tutto ciò che faranno è fotocopiare la busta in cui è contenuta, lasciando i dati contenuti al suo interno al sicuro.

Poiché ogni busta contiene un indirizzo, l’ISP lo invia rapidamente alla destinazione successiva: il tuo provider VPN. Il provider VPN ha una chiave di crittografia per aprire la busta, necessaria per elaborare effettivamente la richiesta. La VPN esegue le istruzioni contenute nella lettera, come il download di determinati file o la visualizzazione di notizie o foto, richiudendo i dati da spedire di nuovo in un’altra busta crittografata. Quest’ultima busta viene inviata tramite il tuo ISP al tuo computer e a quel punto il tuo software VPN locale utilizza un codice per decodificarne il contenuto, aprendo la lettera e mostrandoti le informazioni richieste.

Nozioni di base sulla crittografia e le VPN

L’analogia delle lettere e delle buste è un esempio molto semplificato di ciò che accade quando una VPN crittografa i tuoi dati. L’unico modo per poter leggere (crittografare) nel modo corretto questo dati è quello di usare un computer abilitato (quello dei 2 utenti che comunicano), oltre al provider che offre il servizio di VPN. Dopo che abbiamo visto come funziona, orientativamente un VPN, vediamo nel particolare come funziona tecnicamente questo servizio, vedendo alcuni termini che incontrerai durante la ricerca della VPN perfetta.

Esistono due metodi per la crittografia di base: chiave pubblica (asimmetrica) e chiave privata (simmetrica). Entrambi raggiungono lo stesso obiettivo finale di nascondere dati da occhi indiscreti. Ognuno lo fa usando strumenti diversi, con differenti punti di forza e debolezza.

Chiave crittografica: in questo scenario vengono generate due chiavi private identiche quando i dati vengono crittografati. Chiunque abbia una di queste chiavi può inviare e ricevere dati (leggendoli, ovviamente), rendendo la comunicazione completamente privata. Uno degli svantaggi della crittografia simmetrica è trovare un modo sicuro per condividere queste chiavi tra gli utenti. Dopotutto, se qualcuno intercetta la chiave, può aprire i pacchetti di dati e leggerne il contenuto. Ecco perché viene spesso utilizzata la crittografia a chiave pubblica, che consente alla VPN di condividere le chiavi simmetriche in modo sicuro.

Crittografia a chiave pubblica – Ci sono due chiavi identiche, ma coinvolte in uno scambio asimmetrico: pubblico e privato. Se un utente ha una chiave pubblica può aprire il pacchetto inviato e aggiungere altri dati, ma non può vedere gli altri dati aggiunti precedentemente. I possessori di chiavi private invece possono vedere tutto il contenuto del pacchetto e addirittura rimuoverlo. Questo si chiama crittografia asimmetrica.

Le VPN generalmente usano la crittografia asimmetrica per scambiare le chiavi simmetriche. Aprono la “scatola” creando un altro scompartimento in cui inserire la chiave per aprire gli altri pacchetti e la inviano al destinatario.

Spiegazione di AES, OpenVPN, L2TP / IPSec, PPTP, SSL e SSTP

È bello vedere una così vasta gamma di protocolli supportati da così tante VPN, anche se la maggior parte delle persone non li userà mai. Una connessione VPN che utilizza la crittografia AES a 128 bit e OpenVPN è il protocollo che però userai più volte. A meno che non si abbia necessità particolari, noi crediamo che la cosa migliore sia ottenere un equilibrio tra privacy e velocità.

Di seguito è riportato un breve riepilogo di alcuni protocolli di sicurezza e tipi di crittografia utilizzati dai servizi VPN.

AES – AES sta per Advanced Encryption Standard. Attualmente è la specifica più utilizzata per la crittografia dei dati elettronici ed è considerata la forma di crittografia più sicura disponibile. Alcuni difensori della privacy temono che, poiché l’AES è stato approvato dalla NSA, l’agenzia potrebbe conoscere qualche debolezza nascosta del protocollo e che potrebbe sfruttarlo. Secondo noi è improbabile.

OpenVPN: il protocollo OpenVPN viene utilizzato dalla maggior parte delle VPN per gestire il traffico di crittografia da e verso il computer dell’utente. In sostanza unisce una varietà di altri protocolli e consente loro di lavorare insieme. OpenVPN offre il miglior equilibrio tra velocità e sicurezza, motivo per cui è il protocollo principale implementato dalla maggior parte delle VPN sul mercato.

L2TP / IPSec – Layer 2 Tunneling Protocol (L2TP) fornisce dati da un dispositivo a un altro. Poiché L2TP non offre alcun tipo di crittografia, è quasi sempre associato a Internet Protocol Security (IPSec), che negozia le chiavi crittografiche per creare un ambiente simile a VPN. L2TP / IPSec è più sicuro di OpenVPN e può aiutare gli utenti a superare i firewall che bloccano le VPN, ma può essere estremamente lento.

PPTP – Il protocollo di Tunneling Point-to-Point è una forma comunemente utilizzata di VPN che invia pacchetti di dati attraverso un tunnel privato. È incredibilmente veloce e facile da configurare e gestire, ma non offre una crittografia come la maggior parte dei protocolli VPN.

SSTP – Secure Socket Tunneling Protocol è un’eccellente alternativa ai protocolli standard nelle aree in cui le VPN sono proibite. Utilizza una porta diversa e diversi metodi di Tunneling rispetto ad altri protocolli, il che gli consente di essere non rilevabile e incredibilmente sicuro. Lo svantaggio principale è che funziona solo col sistema operativo Windows, in quanto è stato creato da Microsoft.

SSL / TLS – Transport Layer Security e il suo predecessore Secure Sockets Layer sono meno comuni nel mercato VPN rispetto agli altri protocolli. Entrambi utilizzano un protocollo crittografico unico che simula il funzionamento di una VPN. Il protocollo SSL è utilizzato dai siti Web che forniscono connessioni HTTP protette, come siti di acquisti online o servizi di posta elettronica protetti. Il vantaggio è che SSL è migliore nei trasferimenti simmetrici, sebbene possa essere difficile da implementare.

Più grandi sono le chiavi, migliore è la privacy

Tutto questo parlare di chiavi è un po’ astratto. Potresti pensare a una chiave come un pezzo di metallo con le “creste”, come quelle delle porte. Potresti anche pensare a quanto sia facile fare copie di queste chiavi o “prendere” direttamente i lucchetti che aprono. La buona notizia è che le chiavi cifrate sono molto più complesse di una chiave di metallo, e le serrature che aprono sono altrettanto intricate.

La maggior parte delle VPN utilizza chiavi a 128 o 256 bit. Se si desidera indovinare la chiave di un pacchetto protetto con crittografia a 128 bit, è necessario provare oltre 339.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000.000 (339 decadi) combinazioni possibili. Ciò richiederebbe il lavoro di più super computer per oltre un milione di anni.

La più grande debolezza della crittografia

Quando si verificano violazioni della sicurezza, è quasi sempre a causa di un errore dell’utente o una back-door. Provare a rompere una crittografia è quasi inutile, motivo per cui la maggior parte degli hacker optano per metodi di “work round” per ottenere i tuoi dati. Potrebbero volerci milioni di anni per decifrare una chiave a 256 bit, ma ci vogliono solo pochi minuti per chiamare un provider VPN senza scrupoli e chiedere i loro registri.

La più grande debolezza della crittografia sono le persone che ci lavorano. Questo è il motivo per cui è così importante utilizzare una VPN di cui ti puoi fidare. Se il provider VPN distribuisce le chiavi a terzi o non fornisce realmente la crittografia che ha promesso, i tuoi dati non saranno più disponibili. I servizi VPN gratuiti sono notoriamente poco scrupolosi con le informazioni dell’utente. Se possono vendere alcune informazioni per fare soldi, lo faranno. I provider VPN consolidati con una solida documentazione sulla privacy valgono infatti sempre un piccolo investimento mensile.

Oltre la crittografia: differenze tra i servizi VPN

Ora che hai imparato cose importanti sulla crittografia, come si sceglie la VPN migliore? Ci sono centinaia di provider sul mercato, ognuno dei quali offre metodi di sicurezza digitale differenti. Una cosa che però sicuramente forniscono è una crittografia adeguata, quindi fare la scelta giusta dipende in gran parte dalle funzionalità aggiuntive e dalle proprie esigenze personali. Ricorda: l’anello più debole della tua privacy digitale non è la crittografia stessa, ma le caratteristiche e le pratiche che la circondano.

Di seguito sono riportati alcuni dei fattori importanti da tenere in considerazione quando si esamina un potenziale servizio VPN.

  • Crittografia: non troverai molte variazioni tra i servizi VPN quando si tratta di crittografia. La stragrande maggioranza dei provider offre crittografia AES a 128 o 256 bit, che è perfetta per quasi tutte le attività che potrai fare online. Cercare qualcosa di più forte è inutile, in quanto ti restituirà una connessione lenta.
  • Politica di registrazione: si potrebbe pensare che la registrazione di dati crittografati non sia un grosso problema, anche perché senza “chiavi” non può leggere il contenuto del tuo traffico. Ricorda però che le VPN hanno anche le chiavi per decriptare i tuoi dati e se terze parti ne richiedono l’accesso, richiedono anche l’accesso alle tue chiavi. Invece ci sono una varietà di cose che le VPN possono registrare senza danneggiare la tua privacy. Nel dubbio assicurati che la VPN a cui ti rivolgi ha una politica di zero logging.
  • Giurisdizione: la crittografia avanzata e la politica di zero-logging sono importanti nella scelta del provider perfetto, ma è anche importante che la sede legale dell’azienda (o dei suoi server) si trovi in luoghi in cui la legislazione è più “morbida”. Luoghi come la Cina, il Regno Unito, gli Stati Uniti, l’Australia, il Canada e altre nazioni sono notoriamente pronti a impegnarsi nella sorveglianza delle attività registrate dai server. Se la tua VPN è registrata in uno di questi paesi, potrebbero essere costretti a registrare segretamente i dati e fornire l’accesso governativo ai loro registri.
  • Velocità: l’unico svantaggio della crittografia è che aggiunge dati a ciascun pacchetto dei tuoi dati. I dati aggiunti aumentano le dimensioni dei file e quindi download più lenti. Le migliori VPN hanno soluzioni intelligenti che forniscono alte velocità senza sacrificare la privacy.
  • Prove gratuite e garanzia di rimborso: se non riesci a prendere una decisione, prova qualche VPN che offre un periodo di prova gratuito. Alcuni provider offrono prove gratuite brevi, abbonamenti giornalieri estremamente convenienti o garanzie di rimborso. Ciò consente di testare il servizio in una varietà di situazioni per vedere quanto sia facile l’esperienza utente.
  • Altre caratteristiche – Le VPN spesso hanno caratteristiche nascoste che si trovano nella sezione “altro”, diventando quindi delle suite complete. Alcune VPN offrono firewall, software anti-virus e adblock incorporati, che potrebbero farti sempre comodo. Altre hanno un software personalizzato migliore o un supporto più forte per dispositivi Android e iOS. Verificare le funzionalità aggiuntive ti aiuterà spesso a decidere quale VPN è giusta per te.

VPN consigliate con Strong Encryption

Non riesci ancora a decidere quale VPN sia adatta a te? Abbiamo utilizzato i criteri sopra riportati per selezionare alcune delle migliori VPN presenti sul mercato. Ognuna offre una crittografia incredibilmente forte, sufficiente per garantire che i tuoi dati non possano mai essere visti da occhi indiscreti. Dai un’occhiata ad alcune delle loro funzioni qui sotto, e non esitare a registrarti e iniziare a proteggere la tua privacy online!

1. NordVPN

Se hai bisogno di una forte crittografia, NordVPN è la strada da percorrere. L’azienda gestisce una vasta rete di circa 1.000 server in 56 paesi diversi. Questa varietà ti offre servizi di privacy ottimizzati e su server selezionati, incluso il famoso processo di doppia crittografia. Utilizzando determinate parti della rete NordVPN, puoi avvolgere il tuo traffico nella crittografia SSL a 2048 bit per ottenere la massima sicurezza online.

Le caratteristiche uniche di NordVPN includono:

  • App eleganti e facili da usare per tutti i principali sistemi operativi e dispositivi mobili.
  • Un’incredibile rete di server (il doppio dei diretti concorrenti).
  • Una delle politiche di zero-logging più complete del mercato.
  • Giurisdizione in un paese “amico della privacy”: Panama.
  • Accetta pagamenti in bitcoin per aumentare l’anonimato.

2. ExpressVPN

ExpressVPN ha un nome che è una garanzia, in quanto il servizio offre download molto veloci sulla sua rete. Ciò è stato attestato da utenti indiani che si ai server degli Stati Uniti, agli utenti del Regno Unito che si collegano ai server sudamericani e ad ogni altra combinazione che si possa pensare. Indipendentemente da dove vivi o dove desideri che fosse la tua posizione virtuale, ExpressVPN ti connette ad una connessione veloce e affidabile, semplice e chiara.

Funzionalità uniche di ExpressVPN:

  • Ottima selezione di app personalizzate per Windows, Mac, Linux, Android, iOS e altro ancora.
  • Test di velocità integrato in diverse versioni del suo software.
  • Velocità di connessione fulminee su tutta la rete.
  • Sede nelle Isole Vergini britanniche.
  • Politica di zero-logging su tutto il traffico generato.

3. VyprVPN

Al di l’à delle ottime funzionalità in termini di download/upload e prezzi convenienti, VyprVPN gode della sua fama grazie ad una caratteristica unica: Chameleon. Questo protocollo prende i pacchetti crittografati e avvolge i metadati in un ulteriore livello di sicurezza, come inserire una cartolina non in una, ma bensì in 2 buste differenti, in modo da nascondere anche l’indirizzo oltre al contenuto del messaggio. Ciò rende impossibile per terze parti eseguire ispezioni approfondite sui pacchetti per determinarne l’origine o la destinazione, il che aiuta a sconfiggere i blocchi dei firewall e ad ovviare agli tentativi di throttling messi in atto dagli ISP.

Diamo uno sguardo alle funzionalità di VyprVPN:

  • Supporto per un’ampia varietà di sistemi operativi, inclusi desktop e smartphone.
  • Sede in Svizzera, un paese noto per le sue politiche sulla privacy.
  • Tecnologia Chameleon per aiutare a sconfiggere i firewall che bloccano le VPN.
  • Una politica di zero-logging che copre sia il traffico che le richieste DNS.
PROVA GRATUITA: VyprVPN offre una prova gratuita di tre giorni per i suoi piani, offrendo la possibilità di provare il servizio prima di fare il “grande passo”. Inoltre, verrà applicato uno sconto del 50% sul conto del primo mese.

Leave a comment