1. Home
  2. IT

Come sbloccare Facebook con una VPN, Soluzioni funzionanti nel 2019

Ci piace pensare a Internet come luogo per il libero scambio di informazioni. Gli utenti possono accedere, visualizzare i siti che desiderano, creare il contenuto che li interessa e trovare una comunità di persone affini da tutto il mondo. La sfortunata realtà di questa situazione è segnata dal prevalere della censura e dei contenuti bloccati. Le aziende e le università impediscono alle persone di visitare determinati siti e interi governi fanno lo stesso con centinaia di milioni di cittadini ogni giorno.

Poiché Internet è un mondo così vasto, ci sono comunque diverse soluzioni alternative. Quasi ogni tipo di blocco sui siti e “muro” di censura può essere bypassato utilizzando software gratuito o poco costoso progettato per proteggere la privacy degli utenti. Ad esempio, se non riesci ad accedere a Facebook, tutto ciò che devi fare è attivare una VPN e pochi istanti dopo sei protetto e nascosto.

Offerta esclusiva: risparmia il 49% e prova ExpressVPN al 100% senza rischi!

Ottieni la VPN n. 1 

30 giorni di garanzia soddisfatti o rimborsati

Come funzionano i blocchi dei siti web?

I siti Web possono essere bloccati per un numero indefinito di motivi politici, religiosi, aziendali o personali. Ad esempio, alcuni paesi hanno divieti a livello nazionale su siti come Facebook, tra cui Cina, Siria, Iran, Vietnam e Corea del Nord. Le scuole e le aziende spesso bloccano anche siti Web a studenti e dipendenti. I metodi che usano possono variare, ma l’effetto finale è lo stesso.

I blocchi dei siti possono essere eseguiti per specifico dispositivo o al livello della rete. Entrambi funzionano in modo simile e possono essere bypassati utilizzando gli stessi strumenti. Uno dei concetti chiave utilizzati da molti metodi di blocco è la scansione del traffico per indirizzi o parole chiave, consentendo o negando l’accesso in base a un filtro. Anche se utilizzi un motore di ricerca e digiti “facebook.com”, il filtro che monitora il tuo traffico lo scoprirà e manterrà il blocco abilitato.

Il processo di base del blocco dei siti Web avviene in questo modo:

  1. Ci si connette a un fornitore di servizi (ISP) o rete locale tramite il PC o il telefono.
  2. Il dispositivo richiede un indirizzo web come Facebook.com
  3. Il fornitore di servizi identifica il dispositivo, l’indirizzo IP e il sito a cui stai tentando di accedere.
  4. Se il sito è nella blacklist per il tuo dispositivo o l’IP, l’accesso ti viene negato.

In che modo le VPN sbloccano i siti web

Normalmente, quando si digita un sito Web, le informazioni vengono associate al proprio indirizzo IP e inviate a un fornitore di servizi locale. L’ISP invia questa richiesta, riceve i dati, li restituisce al computer e mostra il sito Web. Il processo è rapido e sorprendentemente efficiente , ma presenta uno dei principali inconvenienti: tutti i dati trasmessi vengono inviati in formato raw (grezzo). È l’equivalente digitale di camminare in mezzo alla folla nel supermercato, e gridare a tutti la tua lista della spesa. Tutti sanno cosa stai cercando e possono usare quei dati contro di te.

Con una VPN attiva, nessuna delle precedenti situazioni rappresenta un problema. Una VPN funziona come un tunnel tra il tuo dispositivo e Internet. Quando si digita un sito Web, il software VPN sul computer crittografa le informazioni e le associa a un indirizzo IP non appartenente al fornitore di servizi locale. I dati crittografati vengono quindi inviati tramite il provider di servizi Internet, ai server della VPN in cui vengono decrittografati, per poi essere mandati alla loro destinazione, da lì, ritornano ai server VPN in cui sono nuovamente crittografati e infine attraverso l’ISP al dispositivo locale in cui sono decodificati e visualizzati. Sembrano davvero un sacco di passaggi solo per vedere un semplice sito Web, ma la crittografia in aggiunta alla variabilità della posizione rende i trasferimenti di dati straordinariamente privati.

Il fattore chiave di una VPN che consente l’accesso a contenuti bloccati o censurati è la crittografia. Niente lascia il tuo computer senza che il software VPN lo avvolga in uno strato di codice criptato. Se il filtro del sito web esegue la scansione del traffico per determinate parole chiave, cerca gli URL e li confronta con una black-list, oppure scansiona gli indirizzi IP per negare l’accesso in base alla posizione, tali metodi non funzioneranno più, poiché tutto ciò che l’ISP può vedere sono dati randomizzati e confusi. Con una VPN attiva il tuo traffico non è leggibile da umani o dal computer e la tua posizione non è mai associata alla tua attività online, rendendo più semplice l’ accesso a contenuti censurati o sbloccare siti Web come Facebook.

Valutazione delle migliori reti VPN per sbloccare Facebook

Quando stai cercando una VPN per sbloccare i siti web, la privacy è la preoccupazione numero uno. È facile confondersi con i dettagli sui livelli di crittografia, sulla distribuzione dei server, sulle politiche sulla privacy e così via. Abbiamo semplificato il processo per concentrarci su alcuni fattori chiave nella scelta di un buon servizio VPN orientato alla sicurezza che soddisfi tutte le tue esigenze senza sacrificare l’usabilità.

Politica di registrazione: indipendentemente dal fatto che una VPN conservi o meno i registri di traffico, questo è un vero e proprio rompicapo. I registri contengono record di attività dell’utente e sono spesso memorizzati al livello del server. In situazioni estreme possono essere sequestrati dai governi locali o addirittura venduti dal provider VPN. Per assicurarsi che nulla di tutto ciò accada, le migliori VPN hanno una rigida politica di zero-logging. Se non vengono memorizzati registri, non è possibile filtrare dati né diffonderli.

Distribuzione dei server: l’accesso ai contenuti bloccati e censurati richiede un certo livello di flessibilità. Le VPN distribuiscono i loro server in dozzine di paesi in tutto il mondo, offrendoti numerose opzioni per connessioni veloci, vicine o addirittura virtuali affidabili in tutto il mondo. Più grande è la rete, migliori saranno le tue possibilità di sblocco.

Kill switch e DNS leak protection : le VPN fanno miracoli per la privacy e l’anonimato, ma solo se sei connesso al servizio. L’utilizzo del software per direzionare il traffico comporta il rischio di dimenticare di caricare l’app o di subire una perdita di dati durante la riconnessione. I migliori provider VPN hanno funzionalità come il kill switch e la DNS leak protection per assicurarti di non accedere mai a Internet, se non tramite la VPN.

Sede legale : dove una società VPN è legalmente localizzata fa una grande differenza. Le leggi locali determinano molte delle politiche dell’azienda, incluso quale tipo di registri devono essere conservati e cosa deve accadere se un’agenzia governativa richiede informazioni. Le VPN citate di seguito hanno sede in paesi con leggi più “rilassate” sulla conservazione dei dati, consentendo al provider VPN di offrire una privacy di qualità superiore.

Compatibilità dispositivi: se non riesci a connetterti a una VPN sul tuo dispositivo, non ha senso averla. La maggior parte delle VPN di alta qualità dispone di software per i principali sistemi operativi desktop e dispositivi mobili. Tutti i provider di seguito hanno una vasta gamma di dispositivi e Sistemi operativi supportati, inclusi telefoni Android e iOS per sbloccare e usare l’app di Facebook.

1 – ExpressVPN

ExpressVPN è uno dei provider VPN più veloci sul mercato. Il servizio offre velocità di alta qualità da e verso una serie di città di medie e grandi dimensioni, assicurandoti di non sacrificare mai la velocità per la privacy o la flessibilità d’uso. ExpressVPN ha inoltre una grande rete server di 1200+ unità in 145 città in 94 paesi diversi, offrendoti molte opzioni per aggirare contenuti censurati e accedere a siti Web bloccati a casa o in viaggio.

Sebbene sia orientata al massimo della velocità, ExpressVPN mantiene la sua politica sulla privacy incentrata sugli utenti. Una rigorosa politica di zero-logging garantisce che le tue informazioni siano inaccessibili anche in caso di sequestro di dati. Puoi anche sfruttare la larghezza di banda illimitata, nessuna restrizione per i tipi di file, un kil switch intelligente e una protezione completa dalle perdite DNS.

Pro

  •  Sblocca Netflix USA
  •  Velocissimi server con perdita di velocità minima
  •  Supporta TUTTI i dispositivi
  •  Politica rigorosa di no-logging delle informazioni personali
  •  Supporto chat 24/7.

Contro

  •  Max 3 connessioni simultanee
  •  Elevato costo per gli utenti di piani mensili.

2 – NordVPN

La caratteristica più lodevole di NordVPN è la sua dotazione, unica nel mondo VPN, del processo di doppia crittografia. Tutti i dati che passano attraverso i server del provider sono racchiusi in una imbattibile crittografia SSL a 2048 bit. NordVPN dice che nemmeno un supercomputer può infrangere una crittografia così forte, il che significa che non c’ è neanche la minima possibilità che i tuoi dati cadano nelle mani sbagliate. Combinala con una formidabile rete di circa 3.000+ server in 57 paesi diversi e hai il mix perfetto di una VPN grande, solida e flessibile per ogni caso di utilizzo.

La velocità è un altro dei punti di forza di NordVPN. La società configura la propria rete in modo tale che i diversi server siano più adatti a gestire diversi tipi di traffico. Ad esempio, se stai scaricando un film, la tua connessione sfrutterà i nodi creati appositamente. Questo offre velocità elevate su quasi l’intera rete, il che può fare una grande differenza anche se stai navigando su Facebook.

Pro

Contro

  •  A volte le app possono essere lente da connettere.
DA NON PERDERE NordVPN ha un incredibile sconto del 66% sul piano di 2 anni, ti costa solo $ 3,99 al mese. Inoltre aggiunge una garanzia di rimborso di 30 giorni a tutti i suoi piani d’offerta.

3 – PureVPN

PureVPN è stato progettato per fornire un accesso veloce, affidabile e illimitato a Internet a tutti i suoi utenti. L’azienda dispone di un notevole numero di 750 server dislocati in 141 paesi diversi, una delle più grandi reti nel mercato VPN. Tutto ciò con pratiche di crittografia imbattibili, zero-logging, larghezza di banda illimitata, un interruttore di eliminazione rapida e protezione da fughe DNS per una maggiore sicurezza.

PureVPN ha una caratteristica unica che non è molto comune tra i fornitori di VPN. Il tunneling diviso consente di scegliere quali programmi vengono direzionati attraverso la VPN e quali devono utilizzare la connessione standard. Ciò semplifica la crittografia e l’invio del traffico del browser attraverso server non locali, consentendo di accedere a Facebook e ad altri siti bloccati mantenendo una connessione Internet standard per altre app e programmi.

Unisciti a PureVPN oggi e avrai uno sconto del 73% sul piano di 2 anni. C’è anche una garanzia di rimborso di sette giorni , che ti permette di entrare e provare tutte le funzionalità senza preoccupazioni di alcun tipo.

4 – VyprVPN

VyprVPN ha alcune caratteristiche di privacy uniche che lo rendono un’ottima scelta per aggirare la censura e i blocchi dei siti. La società dietro VyprVPN possiede e gestisce la sua intera rete di server, oltre 700 unità distribuite in 70 sedi. Ciò significa che i dati crittografati non vengono mai scrutati da alcun’azienda esterna. Permette inoltre a VyprVPN di costruire e personalizzare hardware e software per offrire velocità migliori e crittografia più potente, il tutto senza sacrificare la privacy degli utenti.

VyprVPN completa il suo set di funzionalità con larghezza di banda illimitata, un buon supporto per i dispositivi, nessuna restrizione sui tipi di file e una grande politica di zero-logging. La tecnologia proprietaria, il protocollo Chameleon, è offerta con alcuni piani d’ abbonamento, aiuta anche gli utenti a bypassare la limitazione di velocità dall’ ISP e la congestione della rete, il che può effettivamente accelerare la connessione!

AFFARE VyprVPN offre una prova di 3 giorni gratis e il 50% sul primo mese di servizio , che è perfetto per chiunque sia indeciso sul se e il come utilizzare una VPN.

Perché una VPN è il modo migliore per sbloccare Facebook

Una VPN è un modo straordinariamente semplice e utile per accedere a contenuti bloccati o censurati. I due motivi principali per cui hanno tanto successo sono la crittografia e la variabilità della posizione. Una VPN trasforma il tuo traffico in dati criptati che possono essere decifrati solo dai server del servizio. Questo, combinato con il tuo nuovo IP esterno, rende facile ingannare i filtri in modo da poter accedere a qualsiasi cosa tu voglia.

Esistono altre soluzioni alternative che possono aiutarti a raggiungere Facebook senza una VPN. Ognuna di esse presenta alcuni inconvenienti che lasciano dietro di sé qualche traccia, rendendo più facile per gli amministratori di rete o le agenzie governative individuarti. Se mantenere la tua attività assolutamente privata è una priorità, assicurati di utilizzare la VPN completa.

  1. Le abbreviazioni URL non funzioneranno sempre– La forma più semplice di blocco del sito consiste nel negare l’accesso in base a quale indirizzo è richiesto il dispositivo sulla rete. Digita “facebook.com” nella barra degli indirizzi e il server nega l’accesso, è così semplice. Accorciatori di URL come Tiny URL o bit.ly possono aggirare questo indirizzandoti a Facebook inserendo un indirizzo diverso. Lo svantaggio è che la cronologia di Internet continuerà a mostrare attività di Facebook e il metodo URL semplicemente non funziona con la censura a livello governativo.
  2. Effettuare il googling dell’URL potrebbe non funzionare– Simile al trucco per l’accorciamento URL sopra, se hai accesso a un motore di ricerca e puoi digitare l’indirizzo lì, alcuni algoritmi di blocco ti permetteranno di cliccare sul link o accedere al sito web attraverso la cache di Google, che funziona come un proxy di livello base. Inoltre, come sopra, la tua cronologia mostrerà la visita, e non puoi usarla per bypassare una censura più robusta.
  3. L’uso di un proxy lascia qualche traccia– I server proxy sono un modo veloce e poco costoso (spesso gratuito) per mascherare il tuo indirizzo IP per ingannare i siti web e far loro pensare che ti trovi in ​​una posizione diversa. È una funzionalità simile a quella offerta da una VPN, solo che non esiste la crittografia dei dati per. I proxy consentono di aggirare la censura di base e i blocchi a livello aziendale che si basano sulla corrispondenza IP, ma lasciano una traccia distinta che può essere facilmente seguita.
  4. Tor Browser può essere riconosciuto– Tor Browser utilizza la rete Tor per crittografare e reindirizzare il traffico attraverso una rete di computer, fornendo un anonimato quasi non rintracciabile per chiunque lo usi. Questo è un modo rapido e semplice per accedere a siti Web bloccati e funziona in un’ampia varietà di casi. È importante notare, tuttavia, che il traffico Tor è facile da riconoscere. Anche se il contenuto stesso è crittografato e illeggibile, gli amministratori di rete o le agenzie di censura possono dire quando qualcuno sta usando Tor e utilizzare tale conoscenza per individuarli.
  5. L’utilizzo di un disco Linux live potrebbe non riuscire– Un modo un po ‘più complesso di bypassare i blocchi a livello di dispositivo è inserire un live CD di Linux o una chiavetta USB live e avviare il sistema operativo da lì. Se Facebook è bloccato a livello di rete, tuttavia, questo metodo non sarà efficace. Inoltre, non sarà possibile sfruttarlo se non è possibile accedere all’hardware del computer o riavviare il dispositivo con un altro sistema operativo senza causare problemi.
  6. Il tethering mobile non è affidabile– Una soluzione rapida per sbloccare Facebook al lavoro consiste nell’utilizzare la capacità di tethering dello smartphone. Questo metodo prende i dati cellulari e crea un hotspot wireless a cui altri dispositivi possono connettersi, inclusi tablet e laptop. Tuttavia, con questo metodo potresti incorrere in addebiti per i dati e, se la censura attiva è basata sulla regione geografica di connessione, ancora una volta, non sarai in grado di accedere a Facebook.

Cosa succede se una VPN non funziona?

L’elusione dei blocchi del sito Web non è sempre efficace al 100%. Per ogni problema che gli utenti di Internet cercano di superare, c’è un modo per fermarlo ad un livello più alto. I dipartimenti IT e le agenzie governative dispongono di potenti metodi per rintracciare l’attività sul dispositivo e sull’utente. La linea di fondo è bypassare i filtri di censura non sarà sempre possibile, anche con una forte VPN e altre misure messe in atto.

Una possibilità più sconvolgente è che sarete in grado di bypassare un blocco del sito Web con successo, ma il governo o le imprese che bloccano il sito saranno avvisati. È quasi impossibile coprire la tua pista con precisione perfetta, il che significa che ogni volta che passi un muro di blocco o di censura, stai correndo un rischio.

Fai attenzione alle VPN gratuite e ai server proxy gratuiti

Le aziende che pubblicizzano VPN gratis e server proxy gratuiti sono dappertutto. Non è possibile cercare in un app store o un marketplace di estensione del browser senza incappare in decine di essi. Per gli utenti che desiderano sbloccare Facebook, c’è la fortissima tentazione di utilizzare un servizio gratuito. La logica dietro è che vuoi solo scrivere un post veloce su Facebook. Perché dovresti pagare per una VPN? E inoltre, qual è l’entita del danno in due minuti di utilizzo del proxy gratuito?

La privacy è una preoccupazione seria quando si tratta di VPN gratuite e proxy gratuiti. Costa denaro gestire i server e il business che circonda i servizi. Se la società non sta facendo soldi dagli abbonamenti dei clienti, deve compensare i costi con altri mezzi. Questo di solito significa vendere i preziosi dati con cui gli utenti si sono iscritti fidandosi dei servizi gratuiti. Anche la crittografia non fa differenza quando la società che detiene le tue informazioni ha le chiavi per decrittografarle.

La risposta alla domanda: cosa comporta l’utilizzo di servizi VPN e proxy gratuiti è questa: non usarli. I problemi di privacy sono aggravati quando si considera che lo sblocco di Facebook è uno dei motivi principali per utilizzarli. Se una traccia della tua attività viene mantenuta, è possibile scoprire la tua identità e la tua posizione, il che può essere un problema serio se aggiri la censura governativa o blocchi di siti internet sul luogo di lavoro.

Le VPN gratuite non hanno alcun obbligo o incentivo a mantenere i dati degli utenti sicuri e protetti. È stato anche dimostrato che le società di proxy gratuite iniettano annunci nei browser dei loro utenti. Se apprezzi e dai valore alla tua privacy, dimentica i servizi a costo zero e investi in qualcosa che valga la pena possedere, la sicurezza.

Altri vantaggi dell’utilizzo di una VPN

Le VPN rendono facile aggirare la censura e i blocchi dei siti web. Un abbonamento rapido, un semplice download, e sei a posto. La crittografia, inoltre, rende anonime tutte le tue attività online e la possibilità di modificare la tua posizione virtuale significa che potrà sembrare che tu navighi da qualsiasi paese tu voglia. Tutto ciò contribuisce a migliorare la privacy e l’usabilità, ma ci sono altri vantaggi nell’utilizzo di una VPN altrettanto importanti.

  • Privacy ovunque – Se viaggi molto, è probabile che tu acceda alle reti pubbliche e apri gli hotspot Wi-Fi. Questi sono notoriamente insicuri, soprattutto perché non si sa chi sia il fornitore di servizi o cosa stia facendo il proprietario della rete con il traffico. Con una VPN su smartphone, laptop o tablet, puoi bloccare il traffico mobile e tenerlo al sicuro sulle reti pubbliche.
  • Accedi ai contenuti bloccati geograficamente: Visualizzare contenuti censurati e siti Web bloccati è una cosa, ma una VPN consente anche di guardare video da servizi di streaming che altrimenti verrebbero bloccati nella tua posizione. Siti come Netflix , Hulu , BBC iPlayer, HBO Go, YouTube e altri sono tenuti a limitare determinati film e programmi TV alla visione degli spettatori di determinati Paesi. Accendendo la tua VPN e cambiando le posizioni virtuali, puoi ingannare il sito mentre invece sei da tutt’altra parte, aprendoti così un mondo di nuovi contenuti.
  • Arresta il monitoraggio degli ISP – L’invio di dati non crittografati al fornitore di servizi locale può danneggiare la tua privacy. Gli ISP mantengono registri dettagliati del traffico Internet e degli indirizzi IP, facilitando il tracciamento delle attività online. Gli ISP possono persino vendere questi dati a terzi senza il tuo consenso, il che è fa un po’ paura. Utilizzando una VPN è possibile “sigillare” le informazioni tramite la crittografia, rendendo impossibile per un ISP capire cosa esattamente si stia facendo sul web

Ecco come ottenere una VPN Gratis per 30 giorni

Se hai bisogno di una VPN per un breve periodo, per un viaggio ad esempio, puoi ottenere la nostra VPN top di gamma senza alcun costo. ExpressVPN include nell` offerta una garanzia di rimborso di 30 giorni. Dovrai inizialmente pagare l`abbonamento, certo, ma l iscrizione non solo ti garantirà accesso completo a l`intero servizio, ma nei primi 30 giorni puoi richiedere un rimborso completo. La politica di cancellazione senza fastidiose domande è all altezza del loro nome.

Leave a comment